Programma 5a Stagione Teatrale 2018-19

Prezzi abbonamenti 18-19

Prezzi abbonamenti Opere 18-19

Tariffe BOMBETTA D’ORO

BOMBETTA d’oro MAN18-19

Nov
29
Gio
IL LAGO DEI CIGNI @ teatro mercadante
Nov 29@18:00
IL LAGO DEI CIGNI @ teatro mercadante | Piumazzo | Emilia-Romagna | Italia

ATTENZIONE!

Si avvisa il gentile pubblico che la produzione de “IL LAGO DEI CIGNI” _(con l’Etoile Joy Womack e Mikhail Martynyuk del Teatro Michajlovskij di S. Pietroburgo e il Balletto Cremlino di Mosca) Teatro Accademico Municipale dell’Opera e Balletto di Kiev,_ per problemi tecnici, ha dovuto spostare la data dell’evento dal *23 al 29 novembre ore 21,00.*

I biglietti acquistati dovranno essere convertiti con nuovi biglietti; chi ha intenzione di chiedere il rimborso, potrà farlo entro e non oltre il *23 novembre.*

Inoltre la produzione ha deciso di aggiungere una replica lo stesso giorno alle 18.00 (ingresso 17,30). Riduzioni per scuole di danza e gruppi saranno valide *ESCLUSIVAMENTE* per la replica pomeridiana. La direzione del Mercadante si scusa per il disagio e ci tiene a ribadire che l’evento non è organizzato dal Teatro, pertanto declina ogni responsabilità.

La storia della Compagnia, fra le più rinomate dell’Ucraina, inizia nel 1980, quando il grande maestro di balletto Vakhtang Vronsky, artista emerito dell’URSS (1905-1988), crea il Teatro del Balletto Classico di Kiev. Dal 1989 al 2005, la compagnia è diretta dal celebre coreografo, gran maestro del balletto, detentore del premio Vatslav Nijinsky e vincitore di molti concorsi internazionali di danza, Valeriy Kovtun (1944-2005), al quale succede Viktor Litvinov, illustre maestro di ballo e artista onorifico del popolo ucraino. Nel febbraio 2010 Tatiana Borovik diventa direttrice artistica del Corpo di Ballo del Teatro municipale dell’Opera e del Balletto di Kiev. Proponendosi, innanzitutto, d’immortalare i gioielli del patrimonio mondiale della danza, la compagnia realizza nuovi spettacoli basandosi a un modello classico trasponendone in scena temi nazionali, folclorici ma anche con moderne coreografie. Il repertorio della compagnia conta più di trenta balletti e un numero imponente di spettacoli e di concerti quali, Il Lago dei Cigni, La Bella Addormentata nel Bosco e Lo Schiaccianoci (P.I. Tchaikovski), Giselle (Adam), La Bayadere (La danzatrice del tempio) e Don Chisciotte (L. Minkus), L’Arlecchinata (R. Drigo), Chopiniana-Les Sylphides (Chopin), Cenerentola, Romeo e Giulietta.

IL LAGO DEI CIGNI @ teatro mercadante
Nov 29@21:00
IL LAGO DEI CIGNI @ teatro mercadante | Piumazzo | Emilia-Romagna | Italia

ATTENZIONE!

Si avvisa il gentile pubblico che la produzione de “IL LAGO DEI CIGNI” _(con l’Etoile Joy Womack e Mikhail Martynyuk del Teatro Michajlovskij di S. Pietroburgo e il Balletto Cremlino di Mosca) Teatro Accademico Municipale dell’Opera e Balletto di Kiev,_ per problemi tecnici, ha dovuto spostare la data dell’evento dal *23 al 29 novembre ore 21,00.*

I biglietti acquistati dovranno essere convertiti con nuovi biglietti; chi ha intenzione di chiedere il rimborso, potrà farlo entro e non oltre il *23 novembre.*

Inoltre la produzione ha deciso di aggiungere una replica lo stesso giorno alle 18.00 (ingresso 17,30). Riduzioni per scuole di danza e gruppi saranno valide *ESCLUSIVAMENTE* per la replica pomeridiana. La direzione del Mercadante si scusa per il disagio e ci tiene a ribadire che l’evento non è organizzato dal Teatro, pertanto declina ogni responsabilità.

La storia della Compagnia, fra le più rinomate dell’Ucraina, inizia nel 1980, quando il grande maestro di balletto Vakhtang Vronsky, artista emerito dell’URSS (1905-1988), crea il Teatro del Balletto Classico di Kiev. Dal 1989 al 2005, la compagnia è diretta dal celebre coreografo, gran maestro del balletto, detentore del premio Vatslav Nijinsky e vincitore di molti concorsi internazionali di danza, Valeriy Kovtun (1944-2005), al quale succede Viktor Litvinov, illustre maestro di ballo e artista onorifico del popolo ucraino. Nel febbraio 2010 Tatiana Borovik diventa direttrice artistica del Corpo di Ballo del Teatro municipale dell’Opera e del Balletto di Kiev. Proponendosi, innanzitutto, d’immortalare i gioielli del patrimonio mondiale della danza, la compagnia realizza nuovi spettacoli basandosi a un modello classico trasponendone in scena temi nazionali, folclorici ma anche con moderne coreografie. Il repertorio della compagnia conta più di trenta balletti e un numero imponente di spettacoli e di concerti quali, Il Lago dei Cigni, La Bella Addormentata nel Bosco e Lo Schiaccianoci (P.I. Tchaikovski), Giselle (Adam), La Bayadere (La danzatrice del tempio) e Don Chisciotte (L. Minkus), L’Arlecchinata (R. Drigo), Chopiniana-Les Sylphides (Chopin), Cenerentola, Romeo e Giulietta.

Nov
30
Ven
STABAT MATER
Nov 30@21:00
STABAT MATER

150º anniversario della Morte di Gioachino Rossini
STABAT MATER per soli, coro e 2 pianoforti (trascr. C. Czerny)
Solisti: Angela LOMURMO, Silvia BARLETTA, Federico BUTTAZZO, Giorgio SCHIPA
Pianisti: Giuseppe Barile, Mº Daniele BELARDINELLI
Coro TARENTI CANTORES
maestro del coro Lorena ZACCARIA

DIRETTORE: Mº Nicola NOTARIO

Nella serata sarà eseguita la “Sonata per clarinetto e pianoforte” di Leonard BERNSTEIN in occasione del 100 anniversario della nascita del compositore
Clarinetto solista: Ferdinando REDAVID

Dic
1
Sab
Riccardo Rossi in “W le donne!” @ Teatro Mercadante
Dic 1@21:00
Riccardo Rossi in "W le donne!" @ Teatro Mercadante | Altamura | Puglia | Italia

W LE DONNE! – Tutte le donne della nostra vita

uno spettacolo di Riccardo Rossi e Alberto Di Risio

con Riccardo Rossi

Regia di

Cristiano D’Alisera

 

La donna è la prima persona che conosciamo al mondo! Maschi o femmine è uguale: è sempre lei il nostro primo incontro. Ma se le bambine crescendo diverranno sempre più “colleghe” della madre (prima o poi faranno un figlio anche loro) i maschi si ritroveranno per tutta la vita a fare i conti con “quell’essere” che li ha generati. Ma i ruoli nel corso degli anni cambieranno, dopo la madre conosceranno la tata, la sorella, la nonna, la maestra, la fidanzata, la moglie, la figlia e così via, senza dimenticare ovviamente la più temuta: la suocera!

Grazie a tutti questi incontri con le donne nel corso della sua vita, all’uomo non resterà altro che fare l’unica cosa che non avrebbe mai voluto: crescere.

Riccardo Rossi ci racconterà tutti i dettagli di questo viaggio con la piena  consapevolezza della loro schiacciante superiorità. Anche perché come diceva Groucho Marx: “Gli uomini sono donne che non ce l’hanno fatta…”.

Dic
2
Dom
EVENTO ANNULLATO _ l’Anonima GR in “Bar qui si gode” @ teatro Mercadante
Dic 2@21:00

>>ATTENZIONE SPETTACOLO ANNULLATO!<<

Siamo spiacenti di comunicare che, causa indisposizione di Tiziana Schiavarelli, lo spettacolo dell’Anonima GR “Bar qui si gode” previsto per oggi, sarà annullato. Gli spettatori che hanno acquistato il biglietto potranno chiedere il rimborso.
Il rimborso totale può essere richiesto consegnando il biglietto presso il punto vendita d’acquisto.
Ricordiamo che il rimborso può essere richiesto solamente presso il punto vendita d’acquisto e che in caso di acquisto online verrete contattati e rimborsati direttamente da Vivaticket. Per altre informazioni sugli acquisti online potete contattare il servizio clienti Vivaticket.
Ci scusiamo per l’inconveniente

regia di Dante Marmone

con Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli, Gianni Vezzoso, Nicola Traversa e Antonello D’Onofrio.

Al Bar qui si gode di clienti se ne vedono pochi. Il proprietario non riesce a capirne il perchè, forse il motivo sarà che propina prodotti taroccati e marche sconosciute.
Ma tra quei pochi avventori, capitano sempre tipi strani che non consumano mai nulla o che non pagano mai, e che inoltre lo coinvolgono nelle loro storie contorte e stravaganti.

In questo bar, con i tavolini all’aperto, si avvicendano una serie di storie curiose, richhe di colore e grande comicità, che nei caratteri e nelle manie dei personaggi mettono in evidenza tutti i lati grotteschi che ci portiamo addosso e nei quali il pubblico si può riconoscere, ridendo di sé.

Dic
7
Ven
Paolo Sassanelli in “La leggenda di Paganini” @ teatro mercadante
Dic 7@21:00
Paolo Sassanelli in "La leggenda di Paganini" @ teatro mercadante | Altamura | Puglia | Italia

ARTISTI

Paolo Sassanelli, attore

Davide Alogna, violino

Giulio Tampalini, chitarra

 

Monologo in un atto per voce recitante, violino e chitarra

Nicolò Paganini (1782-1840) è stata una popstar della musica classica. Osannato in vita dal pubblico che gremiva i suoi concerti, amato e protetto dai potenti – il cancelliere Metternich lo volle a Vienna, re Francesco II di Borbone lo nominò suo virtuoso da camera e Papa Leone XII gli diede lo Sperone d’oro –, stimato e fonte di ispirazione per i grandi compositori dell’epoca, Schumann, Liszt, e in seguito Brahms e Rachmaninov, Paganini è un’icona della musica di tutti i tempi.
Violinista virtuoso per antonomasia, audace nella tecnica dello strumento fino a portare agli estremi, persino a superare, i limiti umani, al punto da alimentare il sospetto di immaginari patti con il diavolo, fu anche un valente chitarrista. Non suonando il pianoforte ricorreva alle sei corde per costruire e verificare la scrittura polifonica che avrebbe poi affidato all’orchestra. E anche sulla chitarra, come sul violino, il suo ingegno impareggiabile creò un idioma nuovo e inconfondibile. Se al violino affidò la sua anima più incandescente e temeraria, alla chitarra concesse di esprimere le sue emozioni più intime e poetiche.
Ma Paganini fu soprattutto un uomo. Un uomo moderno, curioso, tormentato, interprete ideale dei profondi cambiamenti che tra fine del Settecento e inizio dell’Ottocento attraversano l’Europa. Nonostante il suo aspetto non avvenente e una salute sempre precaria, egli amò molto le donne e da loro ricambiato. Come la mediocre cantante comasca Antonia Bianchi che gli diede l’unico e adorato figlio Achille, fino alla principessa Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella dell’Imperatore, amica, amante, estimatrice. A 58 anni Paganini, fiaccato da una malattia polmonare, forse tubercolosi, che lo rese afono, il 27 maggio 1840 a Nizza riconsegnò l’anima a Dio. Assistito dal 15enne figlio Achille, rifiutò l’estrema unzione e per questo il vescovo di Nizza ne vietò la sepoltura in terra consacrata. Il suo corpo verrà quindi imbalsamato e conservato nella cantina della casa dov’era morto. Solo molti anni dopo verrà sepolto nel cimitero della Villetta di Parma.
“La leggenda Paganini” racconta al pubblico questo straordinario musicista attraverso un format che alterna una voce recitante, quella del popolare attore Paolo Sassanelli che ha curato il testo con Bianca Melasecchi e Filippo Michelangeli, alle prodezze musicali di due virtuosi di prim’ordine, il violinista Davide Alogna e il chitarrista Giulio Tampalini. Perché suonare Paganini non è cosa da tutti, ci vogliono mani d’acciaio e anni di studio. Lo spettacolo è in un tempo unico, per non interrompere mai la tensione dell’evento, e prevede l’esecuzione dei grandi capolavori del compositore genovese, i Capricci per violino solo, la Sonata Concertata per violino e chitarra, Ghiribizzi e le Variazioni sul Carnevale di Venezia per chitarra, il celebre Cantabile in Re maggiore, la prima Sonata per violino e chitarra dal “Centone” e il guizzo inconfondibile della “Campanella”, tratta dal terzo tempo del Concerto n. 2 per violino e orchestra.
«Paganini non ripete?». Scopritelo guardando lo spettacolo. (di Filippo Michelangeli)

 

PROGRAMMA

N. Paganini
Ghiribizzo n. 27 in Re maggiore per chitarra
Capriccio n. 16 in Sol minore per violino
Romanza dalla “Grande Sonata per chitarra sola”
Capriccio n. 24 in La minore per violino
Sonata n. 1 in La minore (dal Centone di Sonate per ch e vl)
Sonata concertata in La maggiore op. 61 MS 2 per ch e vl
– Allegro spiritoso
– Adagio assai espressivo
– Rondeau, allegretto con brio, scherzando 

Moto perpetuo per violino e chitarra (originale per violino e pf)
Cantabile in Re maggiore per violino e chitarra (originale per vl e pf)
La Campanella, 3° tempo del Concerto n. 2 per violino e chitarra (originale per violino e orchestra)

 

regia, Paolo Sassanelli

testo di Biancamaria Melasecchi, Filippo Michelangeli, Paolo Sassanelli

ideazione, Filippo Michelangeli

Dic
12
Mer
La traviata @ teatro mercadante
Dic 12@21:00
La traviata @ teatro mercadante | Altamura | Puglia | Italia

Il 12 Dicembre 2018 alle 21:00 al Teatro Mercadante di Altamura si eseguirà “LA TRAVIATA” celeberrima opera di Giuseppe Verdi, evento organizzato dall’Associazione Amici del Teatro Mercadante e dal suo Presidente Onorario dott. Vito Ventricelli. L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla creazione di una rete con altri Enti del territorio Pugliese ed in particolare con l’Accademia Lirica Internazionale U. Giordano di Foggia, diretta dai Maestri Maria Gabriella Cianci e Davide Longo che, attraverso audizioni internazionali hanno selezionato un cast di cantanti provenienti da tutto il mondo: Sud America, Russia, Stati Uniti e Italia. La produzione, prodotta in agosto attraverso uno stage internazionale che ha visto un cast di 70 elementi tra orchestra, coro, cantanti, assistenti, collaboratori e tecnici di scena, si è esibita al Teatro Giordano di Foggia e al Teatro Garibaldi di Lucera, ricevendo grande successo di critica e di pubblico. Ad accompagnare l’opera in tre atti, su libretto di F. M. Piave su musica di Giuseppe Verdi, sarà la storica e prestigiosa orchestra di fiati e coro Apulia diretti dal maestro Antonello Ciccone, la regia sarà di Maria Gabriella Cianci, le scene affidate allo scenografo Giuseppe Grasso e i costumi della Sartoria Shangrillà.

Dic
15
Sab
Rocco Papaleo in “Coast to Coast” @ teatro mercadante
Dic 15@21:00
Rocco Papaleo in "Coast to Coast" @ teatro mercadante | Altamura | Puglia | Italia

di ROCCO PAPALEO e VALTER LUPO

prodotto da CARLO PONTESILLI e ROCCO PAPALEO

Se uno spettacolo ha bisogno di una presentazione, vale il sospetto che non si presenti da solo. Viceversa, se si presenta da solo, vale il sospetto che la presentazione è superflua.
Nel dubbio, più che parlare dello spettacolo, parliamo di voi. Come state? Che fate stasera? Andate a teatro? Volendo, abbiamo una cosetta da proporvi. S’intitola “Coast to Coast”.
Che suggerisce l’idea di un viaggio, ma in effetti è un po’ vago. Non precisa se di piacere o di lavoro. Se di sola andata o prevede un ritorno. Non dice da dove a dove. Non indica un’andatura: lenta? Veloce? Risoluta? Vagabonda?
Non definisce nulla, se non l’intenzione di uno spostamento. Agevole? Impegnativo? Sconsigliabile? Sicuro? Concreto? Metaforico?
E poi, chi è a spostarsi? Una persona? Una comitiva? Un popolo?
Ci sono confini da attraversare? Vocabolari da consultare? Diffidenze da superare?
La verità è che nemmeno noi lo sappiamo di preciso. È solo un’idea di mettersi in movimento. Un desiderio di sentirsi stranieri, di ascoltare voci che non siano le nostre, anche a costo di non capirle. Un viaggio prevede soste, accampamenti e bivacchi, a patto che lascino tracce del nostro passaggio… Una pentola rimasta sul fuoco, l’eco di una canzone che ci ha tenuto compagnia, di un racconto che ci ha fatto sorridere o immalinconire… Cose che vengano buone per altri viaggiatori.
E poi “Coast to Coast” vale anche per tragitti di altra natura. Da un malessere a un’allegria, da un malinteso a un accordo, da uno sgarbo a una gentilezza. Percorsi che non si misurano in chilometri, ma nella fatica necessaria per ricomporre il sentimento che ci separa dalle persone che non vogliamo perdere.
“Coast to Coast” è l’impossibilità di fermarsi, sapere di essere transitori, comprendere che tutto è provvisorio, e per questo meravigliarsi sempre.
Che più o meno, è il senso del viaggio che compiamo ogni giorno, tutti i giorni, finché ci è concesso di guardare fuori dal finestrino.
“Ok, ma qualcosa di più preciso? Cioè, al di là delle suggestioni, di cosa parla veramente ‘sto spettacolo?”.
Beh, se uno spettacolo ha bisogno di una presentazione, vale il sospetto che non si presenti da solo. Viceversa, se si presenta da solo, vale…

 

Siamo spiacenti di comunicare che per inderogabili impegni cinematografici dell’artista, la data fuori abbonamento “ROCCO PAPALEO: Coast To Coast” del 16/12 ore 17.30 è stata annullata. Ci scusiamo per l’inconveniente.
Il rimborso totale può essere richiesto consegnando il biglietto presso il punto vendita d’acquisto, entro e non oltre il 16 dicembre compreso.

Ricordiamo che il rimborso può essere richiesto solamente presso il punto vendita d’acquisto e che in caso di acquisto online verrete contattati e rimborsati direttamente da Vivaticket. Per altre informazioni sugli acquisti online potete contattare il servizio clienti Vivaticket.

Dic
19
Mer
DuoCurci-Mincolla e I cantori del Teatro Mercadante in “Christmas Carols… inCantiamoci a Natale” @ teatro mercadante
Dic 19@21:00

I Cantori del Teatro Mercadante in

“CHRISTMAS CAROLS… INCANTIAMOCI A NATALE”

con: M° Susanna Curci, Arpa; M° Anna Mincolla, Violino.

direttore M° Antonella Nuzzi
pianoforte M° Giancarlo Direnzo

Produzione: Teatro Mercadante

Il Natale è da sempre una ricorrenza cara a tutti , credenti e non credenti. E’ la festa iscritta nel patrimonio e nelle tradizioni di tutti i popoli della terra, è la festa della rinascita, di nuovi inizi, è la festa del calore umano e della fratellanza, della pace, è la festa dell’amore e della condivisione. Il Concerto che sarà proposto dai Cantori del Teatro Mercadante e dal duo Curci-Mincolla ha lo scopo di condurre gli spettatori in un’atmosfera particolarmente suggestiva attraverso un repertorio che spazia dai brani più celebri della tradizione musicale natalizia a canti appartenenti al repertorio classico. La musica con la sua potenza comunicativa evocherà quei valori fondamentali per l’essere umano e che da sempre il Natale riconduce a noi sottolineandone l’importanza, il tutto all’interno di una comunità in cui l’esperienza di vita di ognuno si dischiude e sviluppa. Il Natale per ognuno di noi deve essere un momento di intima gioia e di pace da poter condividere con i più cari affetti ed il linguaggio sublime della musica e del canto corale sarà foriero di serenità per tutti.
Spettacolo impreziosito dalla presenza de “I Cantori del Teatro Mercadante”; una giovane corale che si è formata dopo la riapertura del Teatro.

Dic
22
Sab
47 CORTO CHE PARLA – Rassegna di cabaret @ teatro mercadante
Dic 22@21:00

Presentano Silvano Picerno e Franco Laico

con Tommy Terrafino, Antonello Vannucci, Filippo Totaro

Giunta alla sesta edizione, il concorso “47 Corto che parla” diventa sempre più importante, con un livello artistico maggiore ogni anno. Quest’anno si esibiranno alcuni comici pugliesi rinomati e persino alcuni volti televisivi, che si daranno battaglia a suon di risate! Tommy Terrafino, è il vegano di Made in Sud su Rai 2 e ha partecipato anche a “Il boss dei comici” su La7; Antonello Vannucci, che vanta collaborazioni con Toti e Tata e Gennaro Nunziante, rivisita in barese canzoni inglesi ed americane famose, riconducendole a delle vere e proprie bombe comiche; Filippo Totaro, comico di Manfredonia, si è esibito nello Zelig di Milano ed è vincitore del 12° Festival del Cabaret di Martina Franca. Presenteranno la serata una coppia molto affiatata: il direttore artistico del Festival Silvano Picerno, affiancato dal comico gravinese Franco Laico. Una serata ad alato tasso di comicità, che prevede l’esibizione di ogni artista per una durata di circa 30 minuti ciascuno.

Gen
5
Sab
Aura Sonum Philharmonia Orchestra in “Concerto per il nuovo anno” @ Teatro Mercadante
Gen 5@21:00

>>>RIMANDATO A DATA DA DESTINARSI<<<

Si comunica ai gentili spettatori che, causa condizioni meteo avverse, lo spettacolo “Concerto per il anno” dell’ Aura Sonum Philharmonia Orchestra Orchestra diretta dal M.° Alfredo Luigi Cornacchia previsto per domani, sarà spostato a data da destinarsi.
I biglietti acquistati dovranno essere convertiti con nuovi biglietti; chi ha intenzione di chiedere il rimborso, potrà farlo entro e non oltre il *20 gennaio.*
Il rimborso totale o il cambio può essere richiesto consegnando il biglietto presso il punto vendita d’acquisto.
In caso di acquisto online verrete contattati e rimborsati direttamente da Vivaticket.
Ci scusiamo per l’inconveniente.

direzione artistica Alfredo Lugi Cornacchia e Luigi Lasalandra

Direttore Alfredo Lugi Cornacchia
Soprani Enza Carenza, Giovanna Sapone, Orsola Panarella e Antonella Miglionico
Tenore Pantaleo Metta
con la partecipazione del “Coro Polifonico Saverio Mercadante” di Altamura e “Innocenzo XII” di Spinazzola

Presenta Elisabetta Rubini

Dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno, ritorna per la terza edizione il “concerto per il nuovo anno” dell’Aura Sonum Philharmonia Orchestra.